LEGA UMBERTIDE – Galmacci e Spatoloni: “Su Calzolaro imperdonabili le amnesie di Codovini”

0
398
Nella foto, da sinistra, Galmacci e Spatoloni

UMBERTIDE – “Sulla questione Calzolaro è stata data l’ennesima dimostrazione da parte del consigliere di Umbertide Cambia, Giovanni Codovini, di strumentalizzare ogni vicenda e di confermare l’atteggiamento di piena sintonia con il Partito Democratico iniziato dalle famose dimissioni contemporanee di nove loro consiglieri nel dicembre 2017 che portarono al commissariamento del nostro Comune”. Ad affermarlo sono il segretario comunale della Lega di Umbertide, Vittorio Galmacci e il capogruppo in Consiglio, Ettore Spatoloni.

“Nell’ultima seduta del Consiglio comunale – proseguono il segretario e il capogruppo del Carroccio – infatti il capogruppo di Umbertide Cambia ha presentato un ordine del giorno sulla questione Calzolaro con grandi lacune dal punto di vista temporale e politico, nel quale non veniva per nulla menzionata l’incapacità del Pd umbertidese e umbro, quando erano al governo di Comune e Regione, nel gestire la vicenda Ecopartner.

Per questo come gruppo consiliare della Lega abbiamo presentato una proposta di modifica per correggere tutte le amnesie del capogruppo di Umbertide Cambia. Le nostre proposte, però, sono state rigettate da Codovini.

Perchè, consigliere Codovini, non ha accettato le nostre modifiche chiudendo ogni ipotesi di dialogo? Forse perché vuole provare a nascondere sotto il tappeto le colpe molto gravi (e ogni riferimento al Partito Democratico non è casuale) dei suoi nuovi e vecchi alleati sulla questione Splendorini? E’ bene rinfrescarle la memoria anche su quanto accaduto un anno fa: i quantitativi di rifiuti destinati all’azienda calzolarese da Terni sono stati bloccati dopo soli tre giorni. Ricorda tutto questo?”.

Proseguono i due esponenti leghisti: “Caro consigliere Codovini, o per lei il mondo inizia nel 2018 oppure trova giovamento nell’alterare la realtà solo per tornaconto personale. Infine, vogliamo riportarle alla mente anche una sua grande lezione di democrazia. Alla domanda, più che legittima, di un cittadino su Facebook che le chiedeva da quanto tempo non si recava a Calzolaro lei rispose in maniera villana ‘dal giorno in cui i calzolaresi hanno deciso che la Lega governasse’. Ecco, questi sono i politici che predicavano il cambiamento! Livore, falsità e assoluta mancanza di rispetto nei confronti dei problemi dei cittadini costituiscono le linee guida della loro azione politica che invece di prendere come servizio verso la comunità viene usata solo per i loro capricci”.

A cura Ufficio comunicazione Lega Umbria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here